Link copiato negli appunti!

Come scegliere il display migliore per un caricabatterie EV?

Oltre all’intera funzionalità dei caricabatterie per veicoli elettrici, il display può essere la scelta più difficile, che influenzerà l’intera esperienza dell’utente. Vale la pena di prendere in considerazione alcuni argomenti per far sì che sia corretto e che duri per molti anni.

Oggi ci sono molte aziende che si concentrano sulla fornitura delle migliori soluzioni di ricarica per veicoli elettrici, ma solo le migliori sopravviveranno. Il display è uno dei componenti in grado di distinguersi dalla concorrenza, poiché è la parte con cui gli utenti interagiscono maggiormente. Ecco l’elenco dei parametri che vi aiuteranno a prendere le decisioni giuste e a evitare gli insuccessi.

Le dimensioni dei display

Tutto ciò che riguarda i display diventa più grande. Viviamo nel mondo visivo e tutto ciò che ci circonda è colorato e luminoso. Compriamo televisori e telefoni enormi e siamo circondati da enormi display di informazione pubblica. Qual è la dimensione giusta per la stazione di ricarica?

Per i caricabatterie EV i formati più diffusi sono 7″, 10,1″ e 15″, ma alcuni produttori stanno scegliendo anche display da 32,1″ che coprono quasi tutta la parte frontale della macchina. Le dimensioni dipendono dal progetto, ma vale la pena considerare quale sia la più comoda per l’utente. La stazione verrà utilizzata da persone di ogni età, in condizioni diverse e con abilità diverse, per cui la scelta di un display più piccolo di 7″ può rendere l’utilizzo più complicato per alcuni di loro.

D’altra parte, la scelta di un display più grande di 15″ fa apparire l’intero caricatore EV molto più moderno ed efficace.

Luminosità

È uno dei parametri più importanti dal punto di vista dell’utente. Non c’è niente di più frustrante di un contenuto non chiaramente visibile sul display. La scelta dipende dall’ubicazione dell’applicazione e dall’insolazione. In parole povere: maggiore è la luminosità, migliori sono le prestazioni del display sotto il sole.

Considerare se il caricabatterie verrà utilizzato all’interno o all’esterno. Se verrà montato principalmente nei parcheggi sotterranei, si può optare per 300-500cd/m2. Le applicazioni esterne richiedono molto di più per gestire la luce solare diretta. Per i caricabatterie destinati all’esterno, la luminosità dovrebbe essere almeno di 1000cd/m2, ma si potrebbe consigliare anche 2000cd/m2.

La luminosità e la riduzione al minimo dei riflessi sono le chiavi per una corretta leggibilità del display. Tenete presente che se optate per l’incollaggio ad aria del touch e del display, potreste perdere fino al 50% del contrasto. Maggiori dettagli sono riportati nel paragrafo “Incollaggio ottico o ad aria?”.

Angoli di visione

L’angolo di visione è l’angolo massimo al quale l’utente può vedere l’immagine con una qualità accettabile. Si distinguono principalmente quattro tipi di display: TN, VA, MVA e IPS.

Il tipo TN è la tecnologia più efficiente in termini di costi. Gli angoli sono per lo più più stretti rispetto agli altri tipi, ma i prezzi bassi e il breve tempo di reazione della matrice compensano il cono di visione più piccolo. Per ampliare gli angoli di visualizzazione, è possibile aggiungere al display una pellicola O. Quando si acquista un display di tipo TN si deve sempre prestare attenzione alla direzione di visione espressa in angolo orario. Descrive la direzione da cui l’utente deve guardare il display.

I tipi VA e MVA sono caratterizzati da tempi di reazione piuttosto brevi, angoli ampi ed elevato contrasto. Li classifica come molto vicini al tipo di display IPS.

Non è stato fornito alcun testo alt per questa immagine

La tecnologia a matrice IPS presenta non solo la maggior parte dei vantaggi dei VA, ma anche un’ottima riproduzione dei colori e i più elevati angoli di visione su entrambi gli assi. Riverdi raccomanda sicuramente gli IPS per le applicazioni in interni ed esterni, perché ci permettono di vedere i contenuti da ogni punto di vista.

Pulsanti, touch o forse touchless?

Entrambe le soluzioni, pulsanti e tattili, sono molto popolari, ma attualmente tutto il mondo sta passando alla tecnologia tattile capacitiva. È del tutto comprensibile, visto che siamo “in contatto” con i nostri smartphone praticamente sempre, e ci siamo abituati.

In Riverdi, il tatto è la nostra più grande passione e siamo veri esperti nella progettazione e nella messa a punto. Ci concentriamo su tutte e tre le tecnologie touch: capacitiva, resistiva e touchless. I nostri controller tattili capacitivi industriali sono in grado di gestire anche vetri di spessore fino a 15 mm e possono funzionare anche con acqua o guanti.

Poiché viviamo nell’epoca della pandemia, e sembra che dovremo abituarci ad essa, i display basati su soluzioni touchless stanno diventando sempre più popolari. Questa opzione può basarsi su sensori esterni o su un controller tattile molto sofisticato che riconosce il movimento a distanza. Richiede una messa a punto avanzata, ma può essere fornita da Riverdi, e farà sicuramente risaltare il vostro #EVcharger rispetto alla concorrenza.

Spessore del vetro anterioreNon è stato fornito alcun testo alt per questa immagine

Facendo la scelta giusta, si può evitare di spendere molto tempo per l’assistenza. La maggior parte dei caricabatterie situati in luoghi pubblici è esposta a danni o atti di vandalismo.

In base alla nostra esperienza, per i formati da 7″ a 10,1″ si consiglia di utilizzare un vetro temperato termicamente o rinforzato chimicamente di almeno 4-6 mm di spessore. Inoltre, può valere la pena di prendere in considerazione un Gorilla Glass, che è un tipo di vetro chimicamente rafforzato, in grado di resistere alla pressione di 50 kg, e la sua durezza è 9H (quando il diamante è 10H). Tuttavia, il più popolare ed economico è il vetro temperato termicamente con uno spessore da 4 mm a 10 mm, che utilizziamo nella maggior parte dei nostri progetti.

Alcune applicazioni utilizzano il PMMA, che a mio avviso non è la scelta migliore per le cariche EV, in quanto può graffiarsi facilmente. Un display graffiato non è certo un’esperienza che un utente vorrebbe sperimentare durante la ricarica dell’auto. La sostituzione dell’intero frontale da parte del produttore può richiedere molto tempo e denaro. Il vetro temperato è molto più resistente e Riverdi è in grado di fornirlo a un prezzo molto competitivo.

Incollaggio ottico o ad aria?

L’incollaggio ad aria è un metodo che consiste nell’incollare il touch al display utilizzando un nastro adesivo sui bordi. Lo svantaggio principale è la perdita anche del 50% del contrasto del display a causa dell’intercapedine d’aria tra le parti incollate all’aria.

L’incollaggio ottico è un processo che consiste nel fissare il touch panel al display utilizzando una colla adesiva liquida. Il processo utilizza un adesivo di tipo ottico per incollare il vetro alla superficie superiore del display. Elimina completamente lo spazio d’aria tra il pannello a sfioramento e il display. In generale, questo processo migliora le prestazioni ottiche e la durata del modulo.

Un paio di anni fa la scelta era piuttosto ovvia, in quanto l’incollaggio ad aria era molto meno costoso di quello ottico. Ora, la differenza di prezzo non è significativa e può essere di un paio di dollari per un display da 7 pollici. Penso che sia accettabile per un miglioramento della luminosità e della profondità del colore.

Non è stato fornito alcun testo alt per questa immagine

L’incollaggio dell’aria non solo migliora la qualità quando il display è acceso, ma rende il display più efficace anche quando è spento.

Qui si può vedere un confronto tra il nostro display IPS da 10,1″ con incollaggio ottico e il display da 7″ con intercapedine d’aria tra TFT e touch.

Interfaccia

Per i caricabatterie per veicoli elettrici, l’interfaccia LVDS è la più diffusa per i formati 7″-15″. LVDS significa segnalazione differenziale a bassa tensione e, in parole povere, LVDS funziona a bassa potenza e può funzionare a velocità molto elevate utilizzando cavi in rame a doppino intrecciato poco costosi. È meno sensibile (rispetto ad altri) al rumore di modo comune. La tecnologia LVDS non dipende da un’alimentazione specifica, come ad esempio +5V. Ciò significa che è possibile migrare facilmente a tensioni di alimentazione inferiori, come +3,3 V, +2,5 V o addirittura inferiori, mantenendo gli stessi livelli di segnalazione e le stesse prestazioni.

Tuttavia, se necessario, possiamo anche sviluppare una soluzione #Display basata su interfaccia HDMI (High-Definition Multimedia Interface), MIPI (Mobile Industry Processor Interface) o eDP (Embedded DisplayPort). Il vantaggio di utilizzare l’HDMI è che il cavo può gestire sia i segnali audio che quelli video ed è molto diffuso per i computer portatili, i tablet e i televisori di grandi dimensioni, ma i cavi sono piuttosto costosi rispetto a quelli analogici. Le caratteristiche fondamentali di MIPI sono le elevate prestazioni, il basso consumo energetico e le basse EMI, ma lo svantaggio è che è stato progettato principalmente per dimensioni fino a 7″. I vantaggi dell’uso dell’eDP comprendono funzioni avanzate di risparmio energetico come la commutazione continua della frequenza di aggiornamento, connettori di dimensioni ridotte, massima efficienza energetica e supporto di grafica con risoluzione fino a 8k. L’eDP è ampiamente utilizzato nei computer notebook e nei sistemi all-in-one.

Sembrano molte cose da considerare, ma non è necessario pensarci da soli. Noi di #Riverdi possiamo aiutarvi a rispondere correttamente a tutte le domande e a scegliere le opzioni giuste. Vale davvero la pena di prenderlo.

Se siete attualmente impegnati nel processo di sviluppo della vostra stazione di ricarica per veicoli elettrici o se state valutando di aggiornare quella esistente, non esitate a contattarmi. Abbiamo già introdotto sul mercato decine di soluzioni di visualizzazione per l’industria della ricarica, il che ci rende veri esperti in questo settore.

Inoltre, controllate Switch To Riverdi, dove offriamo campioni e costi di attrezzaggio completamente gratuiti!

window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag() { dataLayer.push(arguments); } gtag("consent", "default", { ad_storage: "denied", ad_user_data: "denied", ad_personalization: "denied", analytics_storage: "denied", functionality_storage: "denied", personalization_storage: "denied", security_storage: "granted", wait_for_update: 2000, }); gtag("set", "ads_data_redaction", true); gtag("set", "url_passthrough", true);