Link copiato negli appunti!

Spiegazione della selezione dei BIN LED

In questo
Display 101
spiegheremo l’importanza della costruzione della retroilluminazione LCD e della selezione dei BIN LED.

Potete anche vedere il nostro video esplicativo:

Struttura della retroilluminazione LCD

Innanzitutto, è bene sottolineare che un LCD TFT non emette luce da solo. Ha bisogno di una retroilluminazione per produrre un’immagine visibile. Una buona costruzione della retroilluminazione è estremamente importante per ogni modulo.

Quindi, una catena di LED è posizionata sul lato posteriore (a volte sul lato).

Che cos’è il BIN e perché è importante?

Piccole alterazioni nel processo di produzione dei LED (per quanto riguarda i lumen, la temperatura di colore e la tensione dei LED) rendono molto difficile avere tutti i LED esattamente uguali. I LED tendono ad essere simili, ma raramente identici. Affinché una luce sia, ad esempio, verde, i produttori hanno bisogno di una tecnica per garantire che tutti i loro LED siano effettivamente della stessa tonalità di verde.

La tecnica utilizzata dai produttori per garantire che i LED siano simili si chiama binning dei LED.

Dipende dal fatto che i LED sono collocati in categorie simili – bidoni. Con il contenitore definito è la somiglianza in:

  • lumen
  • tensione
  • colore

Lumen e colore sono i parametri più importanti nella variabilità dei LED. Il binning in base ai lumen è relativamente semplice da definire – diverso dal binning dei LED in base al colore. Il processo è più complesso e per comprenderlo è necessario introdurlo. diagrammi di cromaticità.

Diagrammi di cromaticità

Qui sopra è riportata la CIEXYZ (chiamata anche CIE XYZ o CIE1931). È uno spazio di colore creato nel 1931 dalla Commissione internazionale per l’illuminazione. Le lettere CIE prima di XYZ sono l’abbreviazione del nome della Commissione. La CIE XYZ è una speciale tavolozza di colori costruita principalmente per la percezione dei colori da parte dell’occhio umano (fotorecettori).

CIE XYZ è una descrizione tridimensionale. Sempre nel 1931, per consentire la descrizione in due dimensioni, fu introdotto lo spazio di colore CIE xyY, che converte le componenti cromatiche X, Y, Z in coordinate tricromatiche x, y, Y, dove x e y determinano la cromaticità e Y la luminosità.

Le coordinate che si sovrappongono sono mappate nello spazio di colore rappresentato dalla tabella di cromaticità come il cosiddetto triangolo di colore: un’area racchiusa da due linee, una curva e una retta.

Perché il diagramma è importante per la selezione dei contenitori LED?

Il fisico americano David MacAdam eseguì degli esperimenti negli anni ’30 e ’40 e dimostrò che esistono regioni sul diagramma di cromaticità che contengono tutti i colori indistinguibili dal colore al centro dell’osservazione.

Ciò significa che è possibile tracciare un’ellisse attorno a un singolo punto del diagramma di cromaticità, all’interno del quale l’occhio umano non è in grado di distinguere i diversi colori.

Nella figura sopra, si possono vedere le 25 ellissi disegnate dagli esperimenti di MacAdam su vari colori nel diagramma di cromaticità. All’interno di queste ellissi, il soggetto non era in grado di distinguere i diversi colori!

Oggi approfittiamo della dichiarazione di MacAdam. Il binning dei LED in base al colore si basa sui risultati di questi esperimenti: gli esseri umani percepiscono i colori all’interno di una regione o di un concetto noto come “differenze appena percettibili”. Nel diagramma di cromaticità della CIE 1931, una serie di riquadri indica le regioni con differenze appena percettibili. All’interno di ognuna di queste singole caselle, l’occhio umano non può percepire alcuna differenza di colore.

Pertanto, i produttori di LED indicano le coordinate dei loro LED sul diagramma di cromaticità e gli utenti finali possono utilizzare queste informazioni in modo affidabile per ottenere la luce del colore corretto necessaria per la loro applicazione.

LED di colore bianco

L’informazione sulle coordinate cromatiche dei LED consiste nel mescolare due o più LED insieme per creare colori diversi, come mescolare la vernice gialla e rossa per ottenere l’arancione. Mescolando due diversi colori di LED si ottiene anche un terzo colore.

Pertanto, se un’applicazione richiede una luce di un certo colore e non è disponibile un LED di questo tipo, possiamo utilizzare le coordinate cromatiche e il processo di binning dei LED per ottenere la luce del colore desiderato.

Questo è il modo più comune per ottenere un colore bianco, il colore del LED della retroilluminazione del display.

La tecnica più comune per produrre LED a luce bianca consiste nell’applicare un fosforo giallo (nella maggior parte dei casi ittrio-alluminio-granato drogato di cerio (Ce:YAG)) a un LED blu. Il fosforo converte parte dell’emissione blu in giallo, per cui gli occhi umani percepiscono la miscela come luce bianca.

Ci auguriamo che abbiate apprezzato il nostro ultimo articolo Display 101 e che abbiate appreso ciò che volevate sapere sulla selezione dei BIN LED. Se c’è un argomento che vorreste venisse trattato, non esitate a scriverci sui social media.

window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag() { dataLayer.push(arguments); } gtag("consent", "default", { ad_storage: "denied", ad_user_data: "denied", ad_personalization: "denied", analytics_storage: "denied", functionality_storage: "denied", personalization_storage: "denied", security_storage: "granted", wait_for_update: 2000, }); gtag("set", "ads_data_redaction", true); gtag("set", "url_passthrough", true);