Link copiato negli appunti!

Spiegazione dei bad pixel: i pixel luminosi e i punti morti sullo schermo

Pixel morti: nero, bianco o colorato?

Quando parliamo di Dead Pixels, non ci riferiamo alla sitcom britannica di lieve popolarità su tre amici fissati con un fittizio gioco di ruolo online. Si tratta di punti pixel sullo schermo di un LCD che non funzionano correttamente: non riescono a riprodurre i livelli di luce corretti.

Iniziamo con le basi. Su un display TFT standard un pixel è composto da tre sottopixel: rosso, verde e blu. Quando per qualche motivo uno di questi sub-pixel è bloccato nella posizione sbagliata, inizia a bloccare il passaggio della luce attraverso quel livello. Sullo schermo appare un piccolo punto scuro: è il pixel difettoso (o pixel morto). Tuttavia, quando l’intero pixel è bloccato nella posizione sbagliata rispetto a quella precedente, tutta la luce può passare attraverso quello strato e crea un pixel bianco e luminoso sullo schermo. Questo viene definito un pixel luminoso (o pixel cattivo illuminato). Esistono diversi tipi di pixel luminosi. Sullo schermo si possono vedere dei piccoli punti di pixel di colore rosso, verde o blu. Dipende da quale sub-pixel è bloccato in modo permanente e lascia passare la luce. Sebbene esistano altri scenari in cui un pixel può essere difettoso e diventare un pixel luminoso, questi tre riassumono abbastanza bene le situazioni più comuni.

Abbiamo creato un semplice test che consente di verificare la presenza di pixel difettosi sullo schermo. Fare clic sul pulsante sottostante per eseguirlo. Come funziona? Illumina l’intero schermo in uno dei cinque colori previsti. In questo modo è possibile individuare i piccoli punti di pixel sullo schermo e se alcuni sono diversi, diventa evidente. In questo modo i tecnici a volte risolvono il problema dei pixel difettosi. Cambiando tutti i colori sullo schermo, si ripristinano i cristalli bloccati. Un altro metodo consiste nell’applicare una leggera pressione sul pixel difettoso. Tutto ciò che dovete fare è:

  1. individuare il pixel difettoso,
  2. applicare la pressione con lo schermo spento,
  3. riaccendere lo schermo,
  4. rilasciare la pressione.

Se non tutti i pixel difettosi sono completamente morti, si spera di poterli rimettere nella giusta posizione.

Il vetro madre ha classe

I display sono costituiti da vari strati, uno dei quali è il vetro. Il vetro arriva dalle fabbriche di TFT in grandi lastre, chiamate vetro madre, e viene smistato per gradi o classi. Queste classi sono definite nella serie di norme ISO-9241-3xx, che descrive tre livelli di numero di difetti accettabili.

La tabella seguente mostra il numero massimo di pixel difettosi consentiti in ciascuna classe:

ClasseDescrizione
Classe 3fino a 5 pixel completamente luminosi, 15 pixel completamente scuri e 50 sub-pixel singoli o doppi bloccati su on o off
Classe 2fino a 2 pixel luminosi pieni, 2 pixel scuri pieni e 5-10 sub-pixel luminosi o scuri singoli o doppi (a seconda del numero di ciascuno di essi; non più di
sono consentiti più di 5 subpixel luminosi)
Classe 1fino a 1 pixel luminoso pieno, 1 pixel scuro pieno, 2 sub-pixel luminosi o scuri singoli o doppi e da 3 a 5 sub-pixel “bloccati” o “bloccati”.
(a seconda del numero di ciascuno)

La classe zero non ammette alcun difetto.

Il numero accettato di pixel luminosi è inferiore perché brillano. E un pixel brillante sullo schermo è molto più visibile. I pixel scuri sono più accettabili semplicemente perché sono neri e meno visibili.

In pratica, quando si ordina un certo numero di display, alcuni avranno questi difetti mentre la maggior parte sarà priva di difetti. La percentuale esatta dipende dalla classe concordata. La quantità di pixel errati sullo schermo varia da un produttore all’altro, ma di solito è piuttosto ridotta. Un sacco di pixel difettosi è raro. I display Riverdi non hanno praticamente pixel difettosi, dato che li abbiamo testati tutti. Non abbiamo avuto casi simili. Tuttavia, nei nostri display da 10,1″ eseguiamo un ulteriore livello di test come standard. Così, alla fine, non perderemo nemmeno un elemento con un pixel difettoso. Garantiamo al 100% ZERO pixel negativi.

window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag() { dataLayer.push(arguments); } gtag("consent", "default", { ad_storage: "denied", ad_user_data: "denied", ad_personalization: "denied", analytics_storage: "denied", functionality_storage: "denied", personalization_storage: "denied", security_storage: "granted", wait_for_update: 2000, }); gtag("set", "ads_data_redaction", true); gtag("set", "url_passthrough", true);