Link copiato negli appunti!

Angolo di visione dei display: l’aspetto pratico

In questo episodio della serie Display 101, spieghiamo l’angolo di visione dei display intelligenti. Come scegliere l’angolo di visione giusto per il vostro progetto? Continuate a leggere per avere le risposte.

Spiegazione dell’angolo di visuale

L’angolo di visione è l’angolo massimo di visualizzazione del display LCD al quale l’utente può vedere l’immagine con una qualità accettabile.

Questo concetto è strettamente legato al fenomeno dell’inversione della scala dei grigi. Quando l’utente supera un certo angolo (angolo di visione del monitor), si può notare un improvviso cambiamento nei colori visualizzati. Emerge soprattutto con il dominio del colore grigio nell’immagine visualizzata.

L’angolo di visione del monitor è misurato dall’asse normale del display verso ciascuna delle quattro direzioni. In teoria, l’angolo di visualizzazione massimo del display LCD è di 90° e può variare per ogni direzione di misurazione. L’intervallo angolare tridimensionale è chiamato cono di visione.

Angolo di visione LCD in base al tipo di matrice

I tipi di matrice più diffusi sul mercato sono TN, VA, MVA e IPS.

Il tipo TN è la tecnologia più efficiente in termini di costi. Nel tipo TN gli angoli sono nella maggior parte dei casi più stretti rispetto agli altri tipi. I prezzi bassi e il breve tempo di reazione della matrice compensano il cono di visione più piccolo. Per ampliare l’angolo di visione del monitor, è possibile aggiungere la pellicola O al display. Quando si acquista un display di tipo TN si deve sempre prestare attenzione alla direzione di visione espressa in un angolo orario. Descrive la direzione da cui l’utente deve guardare il display.

I tipi VA e MVA sono caratterizzati da un breve tempo di reazione, ampi angoli ed elevato contrasto. Li classifica tra i tipi TN e IPS.

La tecnologia a matrice IPS presenta la maggior parte dei vantaggi del VA. Inoltre, ha una riproduzione dei colori incredibilmente buona e gli angoli di visione più elevati su entrambi gli assi. Lo svantaggio più comune degli IPS è la profondità del colore nero, che è inferiore a quella dei VA.

Di quale angolo di visione ho bisogno per il mio modulo?

Se l’applicazione richiede un monitor con un angolo di visione elevato, scegliere un display con angoli di visione completi (178,5°~180° su ciascun asse). In questo caso, è necessario cercare display di tipo MVA e IPS.

Quando il prezzo è il fattore principale, l’acquisto di display di tipo TN consente di ottimizzare i costi.

Ricordarsi di verificare la giusta direzione di visione per la propria applicazione. Ecco una semplice regola che dipende dalla posizione in cui l’utente guarda il display:

  • l’utente guarda dalla direzione superiore – scegliere un display a ore 12
  • l’utente guarda dal basso – scegliete un display a ore 6.

NOTA: non confondere la direzione di visione con l’inversione della scala dei grigi. L’inversione della scala di grigi è sempre opposta alla direzione di osservazione. Ad esempio, il display a ore 12 presenterà un’inversione di colore a ore 6.

La soluzione intermedia è quella del tipo TN con angoli di visione ampliati dall’aggiunta di un film O. Abbiamo descritto la soluzione O-film in uno degli articoli precedenti:

Speriamo che questo post della serie Display 101 vi sia piaciuto. Se desiderate che approfondiamo un argomento particolare di questa serie, inviateci un messaggio o un commento sui nostri social media.