Benvenuti alla serie Display 101, dove vi insegniamo tutto quello che c’è da sapere sui display intelligenti. L’ultima volta abbiamo parlato della differenza tra pannelli tattili resistivi e capacitivi e ora approfondiamo il secondo tipo.

Oggi gli schermi tattili capacitivi sono più utilizzati di quelli resistivi. Per quanto riguarda i dispositivi, si possono incontrare due tipi di pannelli tattili capacitivi: ad autocapacità e a mutua capacità.

Autocapacità

In primo luogo, il tipo di touch panel ad autocapacità ha degli elettrodi in cui la corrente scorre attraverso ciascuno di essi. Questi pannelli tattili hanno due strati di elettrodi, uno che contiene gli elettrodi orizzontali e uno con gli elettrodi verticali. Quando un dito tocca la superficie, la capacità cambia su entrambe le linee. Il controllore può leggere quali elettrodi hanno una capacità diversa, creando così una coordinata x,y per il tocco.

Il problema si presenta quando due o più dita si trovano contemporaneamente nell’area attiva. Significa che quattro o più elettrodi cambieranno la loro capacità. Questo inconveniente è chiamato punto fantasma e lo spiegheremo di seguito con un esempio di due tocchi simultanei.

Display 101 Autocapacità Riverdi

I punti verdi (nell’immagine sottostante) sono stati toccati contemporaneamente, in modo che gli elettrodi Y0, Y2 e X1, X3 cambiassero la loro capacità. Poiché per il punto rosso viene utilizzato lo stesso elettrodo, il controller non riesce a trovare le coordinate di tocco corrette.

Di seguito descriveremo altri due tipi di soluzioni tattili capacitive che non presentano il problema dei punti fantasma.

Un altro tipo di touch autocapacitivo è il tipo di tecnologia in cui l’area attiva è coperta da più pad separati su un singolo strato. Poiché ogni pad deve essere controllato singolarmente, il controller dispone di numerose porte da cui leggere lo stato. Questa idea è raramente implementata nei dispositivi finali, perché aumenta rapidamente la complessità del circuito con una risoluzione crescente dell’area attiva, rendendola non praticabile nelle applicazioni comuni.

Visualizzazione 101 Immagine di autocapacità Riverdi no2

Capacità reciproca

Un nuovo tipo di tecnologia è la capacità reciproca.

Ora vi spieghiamo come funziona.

Il pannello a sfioramento contiene una griglia, come una matrice, composta da matrici di tracce X per Y, che creano unità X*Y di condensatori. Crea una capacità reciproca tra gli elementi delle colonne e delle file. Il controllore misura ogni nodo separatamente, modificando la distorsione del campo elettrico in base alla posizione del tocco.

Visualizzazione 101 Immagine della capacità reciproca Riverdi no1

Quando il dito si avvicina allo schermo o lo tocca, la capacità diminuisce.

Sintesi

Sebbene la capacità reciproca sia oggi più diffusa, presenta uno svantaggio importante: una minore immunità ai disturbi da contatto. È più facile che venga disturbato da acqua o polvere sull’area di contatto. Inoltre, il regolatore di capacità reciproca deve eseguire più calcoli rispetto a quello di autocapacità.

Prodotti recenti